21-07-21 da Chene a Rennes. 131km pedalando.

21-07-21 da le camping municipal du Chêne a Saint Julien a Rennes capitale della Bretagna

Mi alzo relativamente presto, sistemo ogni cosa e alle 10:30 sono in viaggio.
La meta è la capitale della Bretagna Rennes, mi ci vorranno km 131 per arrivare.
Al di la del kilometraggio cosa che rende il percorso arduo sono:
-l’assenza di attività aperte dove far rifornimento di acqua e cibo
-il caldo!

Detto questo i primi 40 km sono percorsi su piste ciclabili ben protette dalla vegetazione circostante, okay rallentano l’andatura ma permettono di viaggiare con una temperatura accettabile.
A Le Cellier alle 12:00 vedo una Boulangerie aperta e mi fermo a fare rifornimento, meno male , poi fino alle 18:00 non troveró più un bar aperto o supermarket o altro, infatti la seconda sosta sarà proprio a Thourie a circa 38 km da Rennes, un bar tabacchi dove mangeró e berró una birra fresca.

Nel mentre riusciró a fare rifornimento di acqua la prima volta dopo 40 km, chiedendo ad un signore che noto in un giardino a cavallo fra due tratti di ciclabile, signore Olandese di Amsterdam che mi darà una bottiglia di acqua aggiuntiva da 1,5 L.

La seconda volta a circa 23 km da Rennes, un signore che lavora nei campi al quale con bocca arsa ho chiesto acqua e si è fermato per farmi cambiare acqua nelle bottiglie divenuta imbevibile.
Il percorso è quasi tutto su un falso piano, ció rallenta l’andatura, poi considerando il carico e l’acqua aggiuntiva, diciamo che non è una passeggiata, ma:
l’ho deciso io
Mi piace darmi obiettivi e cercare di superare i miei limiti
Sono sempre stato competitivo con me stesso.
Detto questo so bene che ho una patologia, che potrei e dovrei viaggiare con una bici più performante… oggi ci sono ( la mia è datata 2014 bici da cross country con ruote da 26😅)
Peró questa ho al momento e la patologia, l’sm me la porto dietro volente o nolente…
Per Fabio, l’importante è mantenere la mia “identità”, continuare a fare quello che amo e mi fa stare bene, continuare ad essere Wolf!

Non voglio dimostrare nulla a nessuno se non a me stesso, ricordare a me che nonostante la patologia io posso continuare a fare ció che mi piace, ho già limitato molto:
non più thai boxe ( ovvio a 44 non più agonisticamente ) ma solo esercizi propedeutici per mantenere la coordinazione e gli schemi motori
Non più la corda
Non corro più
Non faccio più down hill
Tutto ció che mi dava adrenalina.

Ma il viaggiare in bici con qualche sfida personale ci tengo ancora a non togliermelo.
Perchè scrivo questo? Perchè c’è chi non comprende che da 500 a 1000 pensare a 500 vuol dire che faró sempre meno! La malattia degenera, se voglio contrastarla devo pensare ad arrivare a 1000 !!!
Ovvio che io ascolti il mio corpo e se faccio è perchè so di poter fare, non faccio l’eroe, non ci tengo.

Detto questo, Simona Truglio, che ringrazio e che collabora con 160cm mi aveva cercato un B&B per facilitarmi la tappa, premurandosi di spiegare che:
sono un cicloviaggiatore e che per me è importante sapere dove lasciare la bici
ho problematiche e quindi per la mia AUTONOMIA non ci devono essere troppe barriere architettoniche.

Arrivo dopo km 131 a Rennes all’abitazione prenotata e mi trovo in questa situazione:
cortile aperto con bici accatastate, non in sicurezza
Scale ripide e strette per accedere ( posto foto per rendere l’idea ) all’appartamento.
Ho una discussione accesa con il proprietario, in inglese, dove gli dico chiaramente che ci sono state email da parte di Simona dove spiegava le esigenze.
Mi faccio ridare il pagato e mi dirigo sulla riva del fiume, mi siedo e rifletto ( dopo aver imprecato per 30’ buoni… 😅in italiano 😌) , cerco su booking un hotel con storage per le bici, accessibile e soprattutto aperto 24H e accessibile !!!

Ne individuo uno a km 3,6 da dove sono.

Risalgo sulla bici e penso che dal 94’ ad oggi me la sono sempre cavata, vuoi che oggi non ci riesca? Sono pur sempre Wolf😉
Alle 23:44 la bici è in sicurezza ed io faccio il check in💪

Oggi mi fermo a visitare Rennes e riposare e domani si riparte!
Da #160cm esistono i Problemi e le seccature, i problemi in realtà sono davvero pochi, il resto sono seccature e in quanto tali risolvibili!
Da #160cm l’SM è Sempre in Movimento, sicuramente non mi lascio abbattere da una sistemazione non ok alle 21:30 di sera, non la voglio lasciare vinta alla sclerosi, figuriamoci a degli host poco lungimiranti

 

Guarda l’album su FB qui

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *